giovedì 6 giugno 2013

OLI 380: TEATROGIORNALE - La colazione di Gaia


Dal secoloxix: Non vedenti all’attacco: impossibile attraversare

Gaia esce di casa, deve andare a comprare il latte. E' mattina presto, nonostante sia l'ultimo giorno di maggio fa ancora fresco. 
- Che fame!
Pensa: comprare il latte, tornare a casa (e meno male che ha l'ascensore), fare colazione, finire di vestirsi, prendere l'autobus e andare al lavoro.
L'ascensore è importante, da sua madre non c'è. Senza ascensore probabilmente avrebbe fatto colazione fuori: cappuccino e focaccia. Forse non è una cattiva idea. Cambio di programma: comprare il latte, attraversare la strada, comprare la focaccia, ri-attraversare la strada, prendere l'ascensore, colazione.
Bello! Molto meglio che fare colazione al bar, a casa può farsi il cappuccino come piace a lei, tanto latte e tanta schiuma, e poi vestirsi per bene, lavarsi i denti, tanto c'è l'ascensore. Potrebbe anche inaugurare il tavolino sul terrazzo, anche se fa freschetto. Aggiudicato: oggi è la prima giornata di primavera e si può fare colazione sul terrazzo. Che al trentuno di maggio è tutto da ridere, ma per quest'anno è così, la primavera latita.
Gaia entra nella latteria, la signora Franca la saluta senza guardarla, sta mettendo le tazzine in lavastoviglie. Gaia prende il latte dal mobile-frigo e dà due euro alla signora Franca.
- Giusto?
- Tutto apposto. Buona giornata.
Gaia esce dalla latteria, la signora Franca si avvicina al mobile frigo e controlla che l'anta sia stata chiusa per bene.
Gaia sorride al sole che le illumina il viso.
- Guarda un po' te che bella giornata.
Pochi passi e arriva all'attraversamento pedonale, pochi metri la dividono dalla sua focaccia calda, ne sente già l'odore. La signora del terzo piano la saluta, è una vedova, poveretta.
 -Venga che è verde, va a comprarsi la focaccia? Una buongustaia lei. Anche a mio marito piaceva, solo che lui non ci beveva il caffè dietro, no, solo bianchetti, tanti bianchetti che poi li è andati a bere con gli angeli. Che era buono il mio Michele, sa.
Gaia ascolta la signora del terzo piano, la saluta ed entra in panetteria:
- Tre euro di focaccia, grazie. Morbida e non dal bordo.
Se ne terrà un poco per stasera. Esce dal panificio con i suoi due sacchetti, ritorna all'attraversamento pedonale.
- Sarà verde? - Si chiede, non sente alcun rumore. Nessuno che passa, cosa strana vista l'ora, nessun rumore di motore. Se ci fosse il semaforo rosso li dovrebbe sentire, quei motori puzzolenti e rumorosi, invece niente. Meglio aspettare, qualcuno dovrà pur arrivare.
Gaia sente la vibrazione del suo orologio da polso, si sta facendo tardi, ha fame, deve ancora finirsi di lavare, fare colazione. Niente. Possibile che non passi nessuno alle otto meno un quarto di un venerdì mattina?
Silenzio. Gaia perde la pazienza e scende dal marciapiede decisa ad attraversare. Si ferma, e se fosse rosso? Risale sul marciapiede. Si guarda attorno, non sente nessuno. I sacchetti le pesano sulle dita, il sole si deve essere nascosto dietro qualche nube.
 - Sarà verde?
Gaia prova a dirlo ad alta voce, così, sbadatamente, magari qualcuno che lei non ha visto la sente. Nessuna risposta. Gaia percorre lentamente il marciapiede dall'attraversamento pedonale fino a dove iniziano a parcheggiarsi le macchine, e poi fino a sinistra, dove il marciapiede finisce. Nessuno. Non vede nessuno. Non sente nessuno. Ritorna sui suoi passi. Dove c'è il semaforo. Resta in ascolto.
Nulla. Il semaforo sarà verde? Gaia guarda l'orologio, l'orologio risponde che sono le otto.
Le otto? Inizia ad essere in ritardo, non riuscirà a farsi il caffè con la schiuma che le piace tanto, giusto un bicchiere di latte freddo, con una bella striscia di focaccia, questo si. Per vestirsi e lavarsi ci mette almeno una mezz'oretta, poi deve scendere e prendere l'autobus e arrivare il ufficio, per le nove al massimo deve timbrare. Possibile che non passi nessuno? Il semaforo sarà verde?
La città sembra deserta, un leggero venticello inizia a batterle sulla gola. Forse sarebbe meglio tornare indietro, al panificio, e chiedere aiuto. Che vergogna.
D'altra parte se non ci vede, se è un'ipovedente, una cieca insomma, che cosa ci può fare?
Magari non andarsene tutta sola in giro, per cosa poi, per tre euro di focaccia?
Si. Che problema c'è, per tre euro di focaccia, per la mia colazione prima di una giornata in ufficio.
Il dialogo dentro di lei si fa serrato. Sa di aver ragione, sa che è un suo diritto poter andare a comprarsi tre euro di focaccia se ne ha voglia, sa che non è colpa sua ma della mancanza del segnalatore acustico, ma tant'è si sente sempre in difetto. E poi dov'è il panificio? Dovrebbe averlo dietro ma non c'è.
Gaia si gira, porta le mani in avanti e le appoggia su un muro, un muro liscio. Gaia tiene i sacchetti del latte e della focaccia con la mano destra e percorre tutto il muro facendo scivolare la mano sinistra sul palazzo, alla ricerca della porta del panificio. Dopo qualche metro il palazzo finisce, Gaia cambia mano ai sacchetti e ripercorre tutta la facciata del palazzo, questa volta striscia la mano destra.
Cammina, cammina, il suo orologio da polso vibra le otto e un quarto. Il sole si deve essere nascosto per bene perché inizia ad avere freddo. Torna indietro. Non solo il panificio è scomparso, ma sembra non essere mai esistito. Non c'è nessuno, nessun rumore di macchine, persone, neanche quei maledetti cani. Solo il suono del vento tra i platani.
Gaia si ferma, decisa ad attraversare la strada. Almeno dall'altra parte c'è casa. Deve attraversare la strada, arrivare dall'altra parte, dal suo ascensore, dalla sua casa. Salire su, posare i sacchetti, finire di vestirsi, scendere, prendere l'autobus, andare al lavoro. Il semaforo sarà verde?
Gaia spera di sì, lo spera con tutte le sue forze. Non lo può sapere, in realtà non sa neanche più se è sulle strisce pedonali. Può solo alzare la testa e lentamente scendere il gradino del marciapiede. Avanzare, guadare quel fiume d'aria che la separa dalla sua tranquillità. Il mondo è una serie di angoli, di rette, di semirette che si intersecano con dei solidi, Gaia li attraversa, da sola, e non ha paura.
(Arianna Musso - Foto da internet)

1 commento:

  1. Giovanna Profumo11 giugno 2013 23:35

    Sento dal conduttore di Tele Nord che il costo di adeguamento per ogni semaforo è di 10.000 euro! Mi pare impossibile... 10.000 euro...

    RispondiElimina