martedì 14 dicembre 2010

OLI 282: LIGURIA - Affari di mare

Con il racconto di onde alte tredici metri e vento a cento chilometri l'ora e l'avvenuto salvataggio si conclude l'avventura dei ventuno uomini della Jolly Amaranto, nave della flotta Messina con i motori in avaria da sabato 13 nel mare in tempesta davanti all'Egitto.
L'armatore ci tiene a sottolineare di essere contento per il suo equipaggio, tutto in salvo. Un atteggiamento propagandato con sollecitudine sui media, foto di Ignazio e di Stefano, in apprensione nei loro uffici.
“M'interessano i miei, del carico non m'importa” si dichiara sui giornali. E l'attenzione è così scivolata via, in sordina, sul carico, peraltro coperto da assicurazione e che di certo - si sostiene - non può provocare un disastro ambientale. Si tratta di vernici, resine, inchiostro; ma anche pitture speciali, sostanze chimiche e farmaceutiche, lacche, liquidi corrosivi.
Dopo l'attracco al porto di Alessandria d'Egitto l'armatore fa la conta dei danni, almeno venti container persi, lamenta; non una parola di preoccupazione sul “genere” di merce dispersa.
“Sono prodotti che ricadono nella categoria Imco3, controllati dalla Capitaneria di porto di Genova” spiega sbrigativamente.
Ovvero?
Nel sito http://www.egyshipping.com/resources/dgt.html si presentano varie classi di “Dangerous Good Transportation”: la 3 è quella dei liquidi altamente infiammabili per il trasporto, non certo profumi e bombon per Natale: un carico “speciale” ad alto rischio d'inquinamento se finisse in mare, com'è successo.
Ma che importa? Non è davanti alle nostre coste. Stavolta.
Dieci anni fa un'altra nave della flotta, la Jolly Rosso, si spiaggiò in Calabria con i suoi container e vi fu un'inchiesta archiviata per sospetto trasporto di rifiuti tossici.
Per i loro ghiotti carichi finirono nel mirino dei pirati la Jolly Smeraldo e la Jolly Marrone e allora la società armatrice protestò per la mancanza di scorta, più volte invocata, alle sue navi, che spesso hanno come destinazione il continente africano: non solo meta di business, ma nota e inerme pattumiera del mondo.
Soltanto una volta i Messina ufficializzarono la natura dei loro trasporti, quando nel 1988 la Jolly Rosso arrivò dal Libano con rifiuti tossici che “alcune aziende italiane senza scrupoli - si legge nel memoriale della nave dei veleni M/T Rosso, stilato dalla Linea Messina - avevano smaltito in Libano e in Paesi del Terzo Mondo”. Mai e poi mai la società si presta a simili trasporti, avvenne in quell'unica occasione, anzi la motonave venne poi ampiamente bonificata per procedere al trasporto di generi alimentari.
Ce ne fossero di imprenditori così che a Genova portano lavoro.
Per lavorare la Culmv non snobba i rifiuti speciali, si adatta a chiedere garanzie,vedi il prossimo imbarco delle big bags della bonifica dell'ex area industriale di Pioltello, Milano, in partenza per la Spagna (ancora ignoto l'armatore).
In Italia ci sono cantieri navali, ma i Messina si fanno costruire le navi in Corea, a prezzi più convenienti, per carità, e protestano se gli si contesta la situazione di privilegio che hanno da decenni sui moli: non vorrebbero gare d'appalto, libera concorrenza.
Perciò hanno contribuito a mandare in galera il presidente dell'Autorità Portuale Novi, prosciolto poi in giudizio e i Messina risponderanno per diffamazione.
Persone discrete, che investono nell'edilizia, abbondantemente e sommessamente.
Peccato essere finiti nei giorni scorsi sui giornali, persino nell'Amaca di Michele Serra su Repubblica: le due figlie eredi non sono state ammesse allo Yacht Club, rifiutate nel segreto dell'urna, forse per solidarietà all'ex presidente Novi (dell'Autorità portuale e per dieci anni dello Y.C.I.).
Pare diranno addio al prestigioso club, portandosi via le loro nuovissime imbarcazioni, le più grandi ancorate lì, salutando i Moratti, gli Agnelli e i Tronchetti Provera.
Che dispiacere, davvero un triste Natale.
(Bianca Vergati)

1 commento:

  1. Maria Pia Bozzo15 dicembre 2010 21:37

    Mi sono posta anch'io le domande che hai formulato nell'articolo. Pochissimo spazio nei resoconti ai rifiuti trasportati. E ora l'affondamento all'imboccatura del porto e tutti piangono per il povero cane!. Qualcuno si porrà ora le domande?Gli egiziani vorranno sapere che cosa é affondato o tutti i conteiner erano già finiti in mare in un posto più discreto? Ciao
    e auguri
    Maria pia Bozzo

    RispondiElimina