martedì 13 luglio 2010

OLI 269: SOCIETA'- Il Mago Egitto

Meno male che il Mago Egitto c'è!
Per fortuna possiamo saperlo tutti grazie alla sua capillare campagna informativa e promozionale con volantini distribuiti ovunque.
Conoscitore della magia bianca, rossa e nera, ridona la persona amata in poco tempo.
Non solo: in virtù dei suoi poteri riesce addirittura a trasmutare alchemicamente la toponomastica cittadina, di cui è con evidenza e veggenza un chiaro esperto.
Non lo dice apertamente, ma ce lo fa capire con signorile understatement: la sua sede è a Pisa o dintorni; ma il lunedì riceve a Genova per appuntamento in Vico Tal dei Tali, vicino a P.zza Campetto (che finora era Campetto e basta, anche se molti già vi aggiungevan "piazza" commettendo un errore che d'ora in poi non sarà più tale grazie al Mago) e – salagadula magicabula bidibi bodibi bù – a P.zza Dei Ferraris (e qui il duca Raffaele De Ferrari sta di sicuro facendo piroette nel suo nobile avello).

Un paio di domande, al Mago o a chicchessia:
Fino a quando il sonno della ragione continuerà a generare mostri?
Fino a quando saremo circondati da cialtroni, in ogni campo del vivere?
(Ferdinando Bonora)

Nessun commento:

Posta un commento